Annihilation challenge

(On air: Perpetuum Mobile – Penguin Café Orchestra)

Siamo al terzo giorno di positive challenge e ho deciso di fare le cose in grande: visto che oggi è stata una giornata in cui ogni conquista zen è stata regolarmente smentita da uno o più eventi di puro fastidio, ecco qua. Tesi, Antitesi, Sintesi. Hegel puppamelo, comunque.

2014-09-02 17.31.04

Mi manca.

Triade #1

T) Dopo millenni finalmente sono tornata in piscina a fare un po’ di nuoto libero. Premesso che generalmente io adoro l’acqua e tendenzialmente odio la gente, andarci all’ora di pranzo quando non c’è quasi nessuno è un’esperienza meravigliosa. Non come immergersi in mare al tramonto o la mattina presto, chiaro, ma per lo meno l’acqua è più calda. Se chiudi gli occhi senti solo un leggero sciacquio e puoi dimenticare il brontolio sordo del riscaldamento e dei bocchettoni sopra di te. Ho risalito la scaletta in totale pace con l’universo, la pioggia continua e JJ Abrams.

MA

A) Appena giunta nello spogliatoio mi sono accorta di non avere i 20 centesimi necessari per fare la doccia.
Mentre facevo la doccia a casa i funghi si sono attaccati alla pentola.
Quando mi sono seduta per pranzare (alle 14.15) ha squillato il telefono di casa.

QUINDI

S) Zen. Tanto per arrivarci, poco per uscirne. Che solenne fregatura.

Triade #2

T) Ho passato un piacevolissimo pomeriggio con una nuova amica sbafando pasterelle e facendo richieste che la povera barista non poteva soddisfare. Alla fine ho scoperto che io e la mia amica siamo nate lo stesso giorno e la barista mi ha regalato un ulteriore bignolino al pistacchio. Oh, il tripudio dei sensi!

MA

A) Vado per riavviare la vespa rossa per tornare a casa (di fretta, avevo un appuntamento) e non parte. Ergo la spingo fino a casa bestemmiando.

QUINDI

S) Il Fato controbilancia ogni gioia e ogni sgarro alla regola. E’ peggio di un dietologo.

Triade #3

T) Quando il mio gattino devastato mi si lancia fra le gambe per giocare, mi abbraccia facendo le fusa o mi segue ovunque io vada il cuore mi si riempe di amor e commozion.

MA

A) ‘Sto troiaio sbava, starnutisce sui panni puliti (e ovunque) (ma soprattutto sui panni puliti) e si ostina a attaccarsi a qualunque cosa possa rompersi.

QUINDI

S) L’atteggiamento di un gatto medio è un’appropriata metafora della vita.

Che la saggezza dei profeti sia sempre con voi. Taggo l’Uomo del Giappone, i gobelini e i figlioli torti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.