Gelo e tormenta

mattina finestra

Dalla finestra, ogni beata mattina da mesi…

Oh, ma… eh?

Mi sono accorta in questi giorni che è da ottobre che attendo (sempre meno) pazientemente la primavera. Non è che abbia mai fatto un freddo incalcolabile come l’anno scorso che ghiacciarono i tubi dell’acqua, ma marzo sta finendo e ancora in casa ci sono 12 gradi.
E non si riesce a fare l’orto, perché piove un giorno sì e due anche.
E se c’è da lavare i panni, segniamoci, che i giorni che non piove son quelli in cui i panni si ghiacciano al sole.
E il mandorlo è lì, fiorito, come un coglione, strapazzato dal vento gelido di stamani, ché da qualche parte qua intorno ha nevicato sicuro.
E i pesci nella vasca non ci stanno capendo più niente, entrano ed escono dal letargo come i tir al traforo del Monte Bianco.
E i gatti si accoppiano a ripetizione e poi si infilano in cinque in una scatola per il freddo, mettendo da parte ogni bollore sessuoso.
E i tulipani sono a mezz’asta da un mese, non sono convinti: s’esce? Si rimane qui sotto al caldino?
Già, si tolgono le lenzuola di flanella? Si mette il pigiama un po’ meno felpato? Spostiamo le macchine da cucire al piano di sopra? Si bubbolerà ancora? Dobbiamo riprendere la legna per la stufa o la mettiamo a riposo? Ma ‘sto maledetto tepore primaverile quando arriva, porco il Valhalla?

giardino MG

Che prato triste, anche l’erba non è sicura di voler ricominciare a crescere. Fuck.

La mia psicologa diceva che la causa dei problemi che uno ha non è il tempo atmosferico. Però, cavolo, dopo una sfilza interminabile di giorni di freddo e pioggia anche la persona meno meteropatica comincia ad accusare. Ci sarà un motivo perché nei paesi con meno ore di luce il tasso dei suicidi è più alto, sticazzi.
Ho rimesso in sesto la mountain bike, fra l’altro. Il mio peso ha raggiunto vette inconcepibili e senza attività fisica non ci cavo niente a dimagrire. E poi mi piace mangiare, come è noto. Ma come %4$$0 faccio a partire se piove, piove, piove e se non piove comunque è un freddo bussone?

 

5 Responses to “Gelo e tormenta

  • VALENTINA
    9 anni ago

    Io sono meteropatica, eccome. Io sto bene solo al sole, come le lucertole, anche se di rettile ho solo il colore (olivastra tendente più al verde militare direi). Ho fatto una mezza poesiola. Anche. Poi da Gennaio siamo perennemente malati.E moh basta! Ti pare? Bacis.

  • Il tempo è una sega.
    Non fa mai come vorresti. Io ho patito il freddo l’anno scorso, le pioggie primaverili, e l’estate ho sofferto come un cane per il caldo.
    Odio l’estate, l’anno scorso mi è successo di tutto, in estate. E faceva sempre caldo.
    Arrivava Caronte, poi arrivava Plutone, poi Proserpina, poi il Budello di Su’ Ma’ cane morta e viva ner casino.
    Adesso è un freddo becco, qui in Umbria.

    Mi sembra d’essere come l’Islandese di Leopardi che se la pigliava con la Natura e non gli andava bene un segone nulla.
    Quella sono io.

  • Crimy
    9 anni ago

    io devo piantare le piante, altrochè!!!!

    Domenica abbiamo intanto fatto la prima parte, ma sai quanto ancora c’è da fare 😀

  • Ciofo
    9 anni ago

    Per il moto suggerisco cyclette collegata a dinamo che alimenta PC e router, cosi se vuoi navigare su internet devi pedalare!

    Pure io avrei la bici da tirare fuori di cantina, non vedo l’ora.. nel senso che per ora non credo arrivera’ il momento -_-

    “Marzo pazzerello” una bella sega, diciamolo, poi adesso Meteo.it da pure la colpa a Thor! ma io boh!!

  • @Vale: come ti capisco! Anche io patisco molto più d’inverno che d’estate, quando è un caldo bussone… certo l’anno scorso mi ha seccato l’orto, ma ora non stiamo a sottilizzare…

    @Idabeth: sarai mica la reincarnazione del poeta sommo (nel senso che riusciva a sommare fra di loro una quantità di mali incredibili)? Io mi farei delle domande… 😀

    @Cri: finché non smette di piovere almeno tre giorni la terra non se po’ tocca’… anche te sei una donnina fortunata! Qui l’orto non lo faremo mai più, se continua così…

    @Ciofo: l’idea della dinamo è strepitosa, ma secondo me anche le bestemmie a saltello possono essere di qualche utilità! Non sapevo che Meteo.it avesse iniziato a considerare l’idea del Valhalla traditore al posto dell’influsso dell’anticiclone delle Azzorre… interessante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.