pancine satolle fb

Grazie a tutti quelli che ci hanno fatto compagnia fino ad adesso su questo blogghino mangereccio! Per festeggiare i 100 “mi piace” su Feisbuk, come promesso a suo tempo un personaggio d’eccezione ci ha inviato una ricetta da panico… Egli è Fasciano, alias Emanuele Pupilli, un nome che è una garanzia per tutti i giocatori di ruolo buongustai entro un raggio di 100… 200… un migliaio di chilometri almeno da Campi Bisenzio… 😀

C’è da dire che il nostro idolo fa un idromele che glielo invidiano un po’ ovunque, e senza di quello presumibilmente sarà difficile cucinare un piatto del genere… però questa è una ricetta per le grandissime occasioni, tenetela cara quando davvero volete lasciare qualcuno con la mascella che gli dà il cencio per terra dallo stupore… ammesso che troviate qualcuno che vi venda un po’ di idromele degno di tal nome!

Cosa vi serve? Il Sommo non specifica le quantità, ma gli ingredienti sono questi:

un bel pezzone d’arista
sedano
carote
cipolle
salvia e rosmarino (abbondanti)
alloro
aglio
sale grosso
pepe in grani
idromele
olio EVO qb
burro

Ed ecco quel che dovete fare:

Mettete l’arista in un recipiente poco più largo di essa ed aggiungete sedano, carote e cipolle tagliate a dadi, più abbondante salvia e rosmarino e poi alloro, aglio, sale grosso e pepe in grani. Coprite il tutto con l’idromele. Coprite con un coperchio adatto (vanno bene anche la stagnola o la pellicola) e mettete per una notte in frigo.
Il giorno dopo togliete dal frigo il recipiente e separate la carne, le verdure e gli odori dal liquido di marinatura.
Preriscaldate il forno a 150°.
Fate scaldare leggermente in una teglia da forno dell’olio (deve ungere completamente la teglia) ed adagiate l’arista; aggiungete poi anche le verdure e gli odori. Infornate e bagnate di tanto in tanto con il liquido di marinatura.
Fate cuocere il tutto regolandovi in base al peso dell’arista. Togliete il liquido di cottura e le verdure e alzate il forno a 190° per gli ultimi 10 minuti di cottura, così da ottenere una bella crosticina sopra la carne.
Quando l’avrete ottenuta, togliete la carne dalla teglia e passate il resto degli ingredienti in un colino, schiacciando con un mestolo per estrarre i succhi dalle verdure.
Affettate la carne e scaldate la salsa ottenuta montandola all’ultimo minuto con del burro ben freddo.

Buon appetito!
(e ringraziate tutti in coro il Sommo Fasciano per questa chicchina…)

Il sommo Fasciano durante un banchetto che esprime tutte le sue perplessità riguardo a non so cosa, ma le perplessità del Sommo non si discutono. :D

Il sommo Fasciano durante un banchetto che esprime tutte le sue perplessità riguardo a non so cosa, ma del resto le perplessità del Sommo non si discutono. 😀

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...