I loro pancini sono senza fondo e anelano ogni giorno cose buone e possibilmente sane, o etiche, ma qualche volta si lasciano prendere la mano e vengono risucchiati da un vortice di lussuria alimentare di grassi e zuccheri… li riconoscerete dalla stazza non esattamente filiforme ma dalle espressioni soddisfatte di chi non vive per mangiare, ma che male c’è a mangiar meglio che si può?

Ecco chi siamo!


aliesamuAlibimba2.0
, alias Alice, classe 1979, un passato da blogger a tempo perso, un dottorato in chimica organica, felicemente sposata e mamma di un nanetto bagonghi, non-tanto-felicemente in cassa integrazione. Perennemente a dieta e perennemente in sovrappeso, combatte contro la sua golosità atavica e si butta spesso e volentieri in ricette per dolci da colazione (almeno quelli, dai…) o esperimenti atti a creare ricette buonissime e ipocaloriche….. si… vabbe’…. come no…

 

londra-barattoloLypsak, alias Lastrina, 33 anni di morbidi rotolini, tanti blogghi sparsi qua e là, campionessa dell’arte dell’arrangiarsi a far quel che si può con una laurea in scienze dei beni storico-artistici etc etc etc e le esperienze più disparate. Partendo dall’assunto che insegnare musica d’insieme a bimbi e ragazzi mette fame, le sue mascelle sono spesso in movimento. Toglietele la cioccolata fondente e il pesce e avrete una donna finita…

 

 

2013-01-31 sciabola


Noctulis, alias Frank. Dall’Anno Domini 1985 infesta cucine di ogni sorta con la sua vorace presenza. Nel mentre, prova a studiare della roba, tipo medicina, ma è una storia di secondaria importanza rispetto a quello che succederà. Infatti, è proprio negli anni dell’università che impara a cucinicchiare roba a caso se non voleva nutrirsi di copertoni o gravare sulle spalle della sua abile coinquilina; la sua pizza lo rende mediamente noto nell’ambito dei festeggiamenti universitari, e da lì in poi è tutta discesa. Discesa dalla bilancia, che la poverina si lamenta; ma alla gola, spesso, non si comanda.


costanzaEnid, alias Costanza. Classe 1984. Follemente innamorata dei propri cani (uno è quello nella foto), un compagno che mangia quello che lei mette in tavola e dopo 4 anni di convivenza (quasi) ancora è vivo. Le cose sono due, o l’uomo in questione ha uno stomaco di ferro (e da uno che faceva il fabbro ci si potrebbe anche aspettare) o non cucina poi così male! Le sue ricette non diet preferite sono il puré, i risotti, la pizza, l’apple crumble e il Fudge, per le ricette diet vediamo che esce!