The future is scary now

Giunta in questo periodo dell’anno, mi viene sempre da pensare a un sacco di cose (che farò? Dove andrò? Troverò un terzo-quarto lavoro che mi permetta il trionfo dell’indipendenza? etc.). Poiché di lunedì mattina è meglio partire dalle questioni più inoffensive, iniziamo con questa:

Che ci faccio co’ sto blog?

La domanda è tanto semplice quanto non interessante. Ma tanto qui scrivo per me, quindi che mi dovrebbe fregare? Circa SETTE cazzonulla, ovvero la misura massima dell’indifferenza. E poi di tanto in tanto sto senza scrivere per mesi e mesi, segno evidente che non ho nulla da dire (o ne ho troppo, quindi il cervello è troppo intasato) nemmeno a me stessa.

Però chiudere adesso mi sembra ridicolo. Voglio dire, appena posso scrivo SEMPRE qualcosa e così è sempre stato da che mi ricordo di esser riuscita a tenere un pennarello in mano. E mi è sempre piaciuto condividere le mie sciocchezze, quindi è inutile far finta che non mi dia gusto sapere che qualcuno mi legge, anche se questo talvolta può incasinarmi la vita più del necessario.

Altro punto: sto cercando di dare un minimo di senso e di svolta e di stabilità alla mia esistenza con varie iniziative più o meno utili, quindi perché lasciar fuori dalla rivoluzione questo contenitore che non serve a niente, però aiuta (autocit.)?

Ecco. Ora ci penso per bene. Si accettano consigli sia per la direzione esistenziale sia per il restyle del blogghino. Movimento, ci vuole. Tanto ancora non è la temperatura ideale per andare in letargo ed è inutile prendersela con le divinità ancestrali per questa inconcludenza atmosferica (soprattutto per l’epic fail dell’estate – quale estate? – appunto).

Vi lascio con una foto esplicativa del cambiamento necessario. Ve lo dicevo che c’erano robbe in ballo OVUNQUE…

lavori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.