Work in progress

Innanzitutto sento l’immenso bisogno di mostrarvi ciò:

Trattasi di uno scorcio azzardato del futuro bagno really visual della famosa casa. Premetto che quello che c’era prima l’abbiamo dovuto apocare perché le tubature erano marce. Esso si presenta come un vero e proprio accrocco di design e country style, ovvero un compromesso fra le mattonelle a finto mosaico e i ragni monumentali che lo abitano (e che continueranno a farlo till Death do us part) (ma come sono anglofona stasera?). Ancora manca il pavimento (scuro, quasi nero, in gres porcellanato – e chi sa cosa sia senza guardare su wikipedia vince mezzo litro di liquore all’anice verde) ed è da quattro mesi che lo attendiamo non più molto pazientemente… non abbiamo la flemma dei sanitari che son ancora lì che attendono pazientemente di venir montati (ditini su)… ma si farà. Si farà presto.

Ma procediamo spediti in questo tour turistico della futura casa Lypsak.

In codesto capolavoro della tecnica fotografica da cellulare possiamo ammirare un utente medio (Noctulio) in piena fase creativa. Era dai tempi della tinteggiatura delle pareti della casa al n°7 di via della Bandita a Casciano di Murlo che non imbiancavamo qualcosa insieme. Per l’occasione mi sono pure messa la stessa maglietta (bella forza, era devastata di colore dopo quell’esperienza, e la uso solo per lavorare in pizzeria o per imbiancare, appunto…) e lo stesso paio di calzoni corti verde militare (comodi, li porto da 10 anni…). Non è finita a sassate e a docce di colore come la volta precedente, ma sarà perché siamo ormai due ometti maturi e ligi al dovere (ma quando mai).
Sta di fatto che quello è un angolo della cucina (metratura incerta), esattamente ciò che ci sarà sotto l’acquaio, di cui si intuiscono gli attacchi. Le mattonelle, sempre visual abbestia, sono ancora un mio parto. Ero sotto trip quando le ho scelte? Può darsi. Ma guardarle mi servirà per rimanerci.

Andiamo avanti.

Chi ha fatto aprire al proprio padre (esperto artigiano edile) un’apertura di due metri e passa per unire due stanze chilometriche? Io. Sono claustrofobica. Com’era prima mi avrebbe ucciso, contando che il soffitto è di 2,30 m. Due stanze lugubri e poco illuminate non direttamente comunicanti fra loro. Adesso ho una sala da ballo, praticamente. Quello seduto sul futuro muro d’appoggio della stufa a legna (sempre visual abbestia), se si impegna molto, potrebbe diventare un ottimo ballerino. Ma chi può dirlo.

Ultima per chi batte.

Eccolo, il famoso camino. Senza più la piastra di ghisa dietro la quale secondo alcuni si trovavano:

  • il Graal
  • l’Arca Perduta
  • la Sindone
  • Godot

I testimoni testimoniano (…) che essa suona a vuoto. L’esperto (il mi’babbo) dice che si è solo staccato l’intonaco per il caldo. Malelingue (tutti) dicono che è perché ci sono state murate delle ossa dentro.
Io penso solo che mi limiterò a non disturbare niente e nessuno… nulla viddi… nulla seppi…

Insomma si va avanti… e il TOGLAM party è sempre più vicino… forse.

(# Addendum delle 0.11: scoccodano i Galletti…)

9 Responses to “Work in progress

  • Mamma, in pratica casa tua è una reggia. Attenta, che va a finire che verrò spesso a visitarLa (la casa, eh XD).

    COmunque, io punto sulle teorie delle malelingue, è molto più poetico u.u

  • Lysa206
    12 anni ago

    🙂

  • Sala da ballo… e immagino ti dispiaccia tantissimo averla eeeehhh?? >-D

  • Toglam party seeeempre più vicino?!?!

    tipo… quando!?!?!

    miii come sono curiosa…

    comunque, se non fosse che il liquore all’anice non mi piace molto, mi sarei fiondata sulla risposta sul gres porcellanato: mica per nulla, ma provengo da una ristrutturazione dell’appartamento dove stiamo ora, e tra mattonelle in gres, lavelli in duraquarz e materassi in waterlily o memoryform so’ troppo avanti……….

    ^__^

  • @Eli: io ti attendo per quando ti pare, cara figliola! Ma sappi che quando poi si manifesterà il fantasma di Tutankamon, ti lascerò da sola a vedertela con lui. XD

    @Ly: GU!

    @ciofo: no davero! Devo fare le prove per il prossimo evento danzereccio delle TdA… adesso puntiamo al tango argentino, ma siamo in alto mare…

    @Ali: sapevo che non potevi deludermi… comunque posso sempre commutare il liquore all’anice in sangria…

  • Gli egizi mi stanno simpatici u.u

  • bella e bravi!

  • @Eli: li conoscerai presto…. muahahahahaha!!!!!

    @dessd: e ancora siamo in alto mare! XD

  • Io il gres porcellone lo so che è perchè ho fatto un esame di edilizia e non ho guardato su Wiki. Me lo spedisci a casa il liquore all’anice verde?

    Ma questa è sempre la casa dell’alchimista? Secondo me è vero che ci hanno seppellito la gente viva nel camino e anche che dietro c’è il santo graal. E secondo me se guardi bene trovi pure Sandy Marton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.