La prima cosa è che sono ufficialmente una prof (tecnicamente dal 1°settembre ma vabbè).
È stato un anno DENSISSIMO. Pensavo di volerne parlare per metterlo a fuoco, ma evidentemente non sono pronta, o non ne ho bisogno, o (inserire supposizione).

Ma ci sono delle sacchettate di ricordi da portare con me nella mia nuova destinazione.


La seconda cosa è che oggi abbiamo sistemato la sedia evolutiva (che è il seggiolone radical chic con una spruzzata di montessorianitudine ma forse inversa) togliendo il piano da seggiolone e spostandola a tavola. Il Giovin Signore è ancora un po’ bassino ma ci sta.

Culino sta già a tavola con noi, insomma.

Madreh ha dunque sperimentato il brivido del “OMMIODDIO DI GIÀÀÀ NON SONO PRONTAAAH” di cui tanto le avevano favellato.

Si ride e si scherza, ma ‘sti aggeggi crescono e fanno pure veloce.

E a chi commenta “oddiooooh ma ancora lo allattiiiiih? Alla sua tardissima etàààh?”, oltre all’inevitabile maicazzituano®, Madreh ha appreso a rispondere serafica che le linee guida dell’OMS ti invitano a condividere le pocce fino almeno ai due anni del virgulto, e di continuare finché vi va. Tanto prima o poi finisce anche questa, non è che ci arrivi alla maturità (e magari si fa una bella foto col maturando cinto di alloro e di fior con la tetta incastrata fra i denti – yay!) (si cavalca il trend del momento, via).

È un bel viaggio con tante tappe. Tipo che a settembre va al nid -OMMIODDIODIGIAAAAAAÀ-

È bello così.

2 commenti a “Cambiamentini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *